viaggio confermato – Rajasthan

PRIMO GIORNO
MERCOLEDÌ 16 GENNAIO
TRIESTE-VENEZIA-MOSCA-DELHI
Ritrovo dei Signori Partecipanti alle ore 7.45 in Piazza Oberdan e partenza alle ore 8.00 via autostrada per l’aeroporto “Marco Polo” di Tessera. Disbrigo delle formalità d’imbarco, quindi partenza alle ore 12.35 per Mosca con volo Aeroflot SU2597 e arrivo alle ore 17.50. Proseguimento per Nuova Delhi con volo Aeroflot SU 232 delle ore 19.50.

SECONDO GIORNO
GIOVEDÌ 17 GENNAIO
DELHI
Arrivo alle ore 4.20, Assistenza e trasferimento in hotel, sistemazione nelle camere riservate e tempo dedicato al riposo. Prima colazione e incontro con la guida. Giornata dedicata alla visita di Delhi. la capitale dell’India, una delle città in più rapida crescita. Questa città si compone in due parti: la Vecchia Delhi e la Nuova Delhi. La prima fu la capitale dell’India musulmana tra il XVII e il XIX secolo e conserva ancora oggi numerose moschee, monumenti e fortificazioni legati alla storia islamica indiana. Nuova Delhi, invece, è la città imperiale, quella che gli inglesi elessero capitale dell’India nel 1931, oggi sede di diverse ambasciate e degli uffici governativi. Intera giornata dedicata alla visita della città. Si inizierà con la vecchia città “Old Delhi”. Si visiterà la moschea “Jama Masjid“, costruita nel XVII secolo, senza alcuno dubbio la più grande e più bella moschea dell’India. Quindi ammirato il Red Fort, costruito da Shah Jahan nel 1648, posto lungo il fiume Yamuna dalla forma di un ottagono irregolare, continuazione per Nuova Delhi con il Rajpath, la Rashtrapati Bhavan, l’India Gate e il Palazzo del Parlamento, che svelerà lo splendore dell’architettura di Sir Edwin Lutyens. Visita al Complesso Qutab, importante esempio di architettura indo-islamica e al termine visita al Tempio Sikh Bangla Sahib. Per la visita alla Old Delhi saranno utilizzati i risciò. Cena e pernottamento in hotel.

TERZO GIORNO
VENERDÌ 18 GENNAIO
DELHI-MANDAWA
Prima colazione e partenza per Mandawa (da calcolare circa sei ore di viaggio – 262 km). Il remoto principato feudale di Mandawa, nato nel 1755 nel deserto come punto di sosta fortificato sulle antiche vie carovaniere tra la Cina e il Medio Oriente, fu trasformato successivamente grazie ai proventi dei commerci in una città fiabesca di palazzi meravigliosamente dipinti e istoriati (Haveli). Passeggiata nel centro di Mandawa per la visita di alcuni haveli edificati secondo l’architettura indù abbondando in decorazioni, cortili, chiostri e interni lussuosi. Sistemazione in hotel nelle camere riservate, cena e pernottamento.

QUARTO GIORNO
SABATO 19 GENNAIO
MANDAWA-BIKANER
Prima colazione e partenza per Bikaner (da calcolare circa quattro e mezza di viaggio – 192 km). Bikaner è un’oasi tra dune e sterpaglie, nel mezzo delle quali si erge la sontuosa reggia-fortezza Junagarh, una delle più affascinanti e meglio conservate del Rajasthan. Giunti a Bikaner, visita della Fortezza di Junagarh, costruito tra il 1588 ed il 1593 dal raja Rai Singh, generale dell’esercito di Akbar, imperatore dei Moghul. Il forte è circondato da mura lunghe 986 metri dotate di ben 37 bastioni, con la Surajpol o Porta di Sole che rappresenta l’entrata principale al complesso. Le costruzioni all’interno di queste mura si concentrano sul lato sud e creano un insieme davvero pittoresco di cortili, balconate, torri e finestre. Una delle principali caratteristiche del forte è la bellezza delle sculture in pietra, che abbelliscono alcuni tra i palazzi più sfarzosi. Al termine della visita, sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

QUINTO GIORNO
DOMENICA 20 GENNAIO
BIKANER-JODHPUR
Prima colazione in hotel. Al mattino gita sul Tonga (un veicolo a due ruote trainato dai cavalli decorato con i colori vivaci) per l’esplorazione della parte vecchia e del bazaar di Bikaner. Quindi partenza per Jodhpur (da calcolare circa cinque ore di viaggio – 245 km) con sosta lungo il percorso per la visita al forte Ahhichatracharh di Nagaur, ai margini del deserto del Thar. Giunti a Jodhpur, denominata la Città Blu a causa delle case dipinte di azzurro nel borgo antico, è famosa per le spezie e per le stoffe che, dai tempi della Via della Seta, partivano da qui per raggiungere l’Occidente. Sistemazione in hotel nelle camere riservate, cena e pernottamento.

SESTO GIORNO
LUNEDÌ 21 GENNAIO
JODHPUR-RANAKPUR-UDAIPUR
Prima colazione e al mattino salita con i caratteristici tuktuk all’imponente Forte Mehrangarh che si erge su una collina dirupata di 125 metri di altezza e che domina completamente la città e le sue mura. Il palazzo e il forte contengono ricche collezioni di palanchini, portantine da elefante, strumenti musicali, costumi, arredi e armi. La collezione di cannoni è una delle più interessanti dell’India. Degni di nota sono la Sale dell’incoronazione e il trono, dove furono incoronati tutti i sovrani della città, ad eccezione del fondatore. Al termine della visita partenza per Udaipur con sosta lungo il percorso a Ranakpur per la visita dei templi Gianisti della città, tra i più grandi del’India. La città è situata in una remota e tranquilla valle ai piedi dei monti Aravalli. Il tempio Chaumukha, o tempio delle Quattro Facce, è dedicato ad Adinath, costruito nel 1439 è un complesso che comprende 29 stanze, con 1444 pilastri ognuno diverso dagli altri, e 2 templi gianisti. Proseguimento per Udaipur, città situata nella parte nord-orientale del Rajasthan, è senza dubbio la città più romantica di tutto lo stato, denominata anche la città dei Laghi. La città fu fondata nel 1567, quando Maharaja Udai Singh, stanco dei ripetuti attacchi a Chittor, la vecchia capitale Mewar, si fece indicare da un vecchio saggio un posto sicuro per la sua nuova capitale. L’uomo garantì a Udai Singh che se lo avesse fondato sulle sponde del Lago Pochola, il suo nuovo centro di potere non sarebbe mai stato conquistato, e così nacque la città che porta lo stesso nome del regnante, Udaipur. In serata arrivo a Udaipur, sistemazione in hotel nelle camere riservate, cena e pernottamento. In serata spettacolo di danza popolare Dharohar presso la Haveli di Bagore ki, una haveli del diciottesimo secolo convertita in un museo d’arte ed architettura Mewa.

SETTIMO GIORNO
MARTEDÌ 22 GENNAIO
UDAIPUR
Dopo la prima colazione, visita Eklingji e Nagda. Eklingji è noto per i suoi 108 templi, circondati da un alto muro fortificato, dedicati a Shiva fin dai tempi antichi. A seguire, sosta a Nagda, antica capitale del Mewar fondata nel VII secolo, e famosa per i suoi templi quelli di Sahastra Bahu e il Tempio di Adbudji Jain, risalenti al X secolo. Rientro a Udaipur per la visita al City Palace (Palazzo del Maraja): è considerato come il più grande palazzo-fortezza del Rajasthan con 500 metri di lunghezza per 30 metri di altezza. Caratterizzato da un mercato stile moghul, l’ edificio domina il lago Pichola offrendo un bel panorama sulla città. Inoltre il City Palace ospita al suo interno il museo composto da sette padiglioni che offre una collezione incomparabile dei dipinti della scuola Mewar dal XVII al XX secolo. Quindi visita il Tempio di Jagdish del XVI secolo dedicato al Dio Vishnu, il tempio più grande e più splendido di Udaipur, costruito nel 1651 da Jagat Singh, che si trova al centro della città vecchia. Infine passando dal lago Fateh Sagar si visita Saheliyon-ki-Bari, il giardino delle damigelle d’onore con le sue numerose fontane. Al tramonto, navigazione sul Lago Pichola a bordo di una barca. Al termine delle visite rientro in hotel, cena in un famoso ristorante e pernottamento.

OTTAVO GIORNO
MERCOLEDÌ 23 GENNAIO
UDAIPUR-PUSHKAR-JAIPUR
Prima colazione e partenza per Jaipur (circa 400 km). Lungo il percorso sosta Pushkar, situata sulla riva del pittoresco lago di Pushkar, la città è punteggiata da numerosi templi, ghat (gradini che portano nell’acqua) e ashram (luoghi di meditazione). Pushkar è la città sacra sede del tempio di Brahma il creatore, uno dei pochi templi esistenti nel Rajasthan, risalente al XIV secolo e senza dubbio uno dei più importanti luoghi di pellegrinaggio per gli indiani. L’intero edificio è costruito in marmo dipinto ed è decorato con monete d’argento e colori sgargianti. Al termine continuazione per Jaipur, la “città rosa”, così chiamata da quando i suoi edifici furono dipinti in occasione della visita di Edoardo VII nel 1876. Sistemazione in hotel nelle camere riservate, cena e pernottamento.

NONO GIORNO
GIOVEDÌ 24 GENNAIO
JAIPUR
Dopo la prima colazione ed escursione al Forte di Amber, suggestivo esempio di architettura Rajput e capitale dello stato fino al 1728. Raggiunta la collina, visita del Palazzo attraverso la sala della Vittoria che contiene splendidi specchi, il Jai Mahal ed il tempio di Kali. Nel pomeriggio proseguimento della visita con il famoso Palazzo dei Venti costruito nel 1799 è stato progettato per le signore della famiglia reale per guardare il corso della strada, rimanendo nascoste alla vista del pubblico (esterno) e il City Palace Museum, nel cuore della città vecchia, l’ex residenza reale costruita in una combinazione di stili del Rajasthan e del Mughal. Si terminerà la visita con lo Jantar Mantar, un osservatorio di pietra costruito da Jai Singh II mediante il quale gli astronomi possono misurare le posizioni delle stelle e calcolare le eclissi. Al termine rientro in hotel, cena e pernottamento.

DECIMO GIORNO
VENERDÌ 25 GENNAIO
JAIPUR-FATEHPUR SIKRI-AGRA
Dopo la prima colazione, partenza per Agra (circa 235 km) con soste a Abhaneri a Fatehpur Sikkri. Chand Baori è un pozzo a gradini, situato nel villaggio di Abhaneri. Fu costruito intorno il VII secolo e serviva a risolvere il problema dell’approvvigionamento idrico nei periodi di siccità. Fatehpur Sikkri, la città fu costruita dall’imperatore Akbar nel 1564 in onore del santo musulmano Sheikh Salim Chisthi, ed era destinata a diventare la nuova capitale del regno, ma la carenza d’acqua ne causò l’abbandono da parte dei suoi abitanti dopo solo 15 anni dalla sua inaugurazione. I palazzi e la moschea sono una testimonianza dello splendore dell’arte moghul, e queste rovine, dichiarate patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, sono una tappa obbligata per i visitatori. Arrivo ad Agra e sistemazione in hotel nelle camere riservate, cena e pernottamento.

UNDICESIMO GIORNO
SABATO 26 GENNAIO
AGRA-DELHI
All’alba visita al famosissimo Taj Mahal costruito dall’imperatore Shah Jahan come mausoleo per la seconda moglie. Rappresenta la massima testimonianza dell’arte moghul e dal 2007 rientra nelle sette meraviglie del mondo moderno. Sorge su una base di pietra arenaria rossa sormontata da un’enorme terrazzo di marmo bianco sul quale si posa la famosa cupola affiancata dai quattro minareti affusolati. La cupola è fatta di marmo bianco, ma la sua posizione vicino al fiume fa sì che un magico gioco di colori che cambiano durante le ore del giorno e a seconda delle stagioni, diano al Taj Mahal riflessi di colori che lo rendono unico ma sempre diverso. Rientro in hotel, quindi continuazione delle visite con l’Agra Fort, roccaforte dell’impero Moghul. Fu sede del governo e dell’amministrazione e la struttura attuale deve la sua origine all’Imperatore Akbar che eresse le mura, le porte ed il primo edificio sulla riva orientale del fiume Yamuna. Shah Jahan aggiunse palazzi e moschee di marmo bianco intarsiato con pietre dure. Gli esempi più affascinanti della leggerezza quasi musicale dell’architettura originatasi durante il regno di questo sovrano, sono la sala delle udienze e la moschea della Perla. Al termine partenza per Delhi (210 km) . All’arrivo, cena in ristorante e trasferimento in aeroporto. Disbrigo delle formalità d’imbarco.

DODICESIMO GIORNO
SABATO 27 GENNAIO
DELHI-MOSCA-VENEZIA-TRIESTE
Partenza con volo di linea Aeroflot SU 235 delle ore 1.25 per Mosca. Alle ore 5.30 arrivo a Mosca e proseguimento per Venezia alle ore 10.05 con volo Aeroflot SU2596 con arrivo all’aeroporto “Marco Polo” alle ore 11.35. Disbrigo delle formalità di sbarco, quindi trasferimento in autopullman a Trieste in piazza Oberdan.